Acqua pubblica alle monachelle

Ricordiamo che:
Il 20 Aprile 2017 e’ stata inviata una lettera al sindaco di Pozzuoli, con la quale si informava che il 25 Aprile 2017, diverse associazioni, iniziavano a prendersi cura del Bene Comune/Pubblico/Popolare dell’area ex convitto monachelle.
Nella lettera si precisava che: La riappropriazione del bene mare da parte della popolazione flegrea e la promozione di stili di vita pro salute non è disgiunta dal decoro urbano, che assicuri anche una FONTE DI ACQUA POTABILE oltre alla pulizia dell’area, con la raccolta e smaltimento dei rifiuti.
In seguito, nel mese di maggio, un esponente del comitato Monachelle ha chiesto ed incontrato il sindaco Figliolia per capire come, e se era possibile, ottenere che l area pubblica delle Monachelle, venisse dotata e servita da una fontanina di ACQUA pubblica. La risposta del sindaco fu un perentorio NO.
In seguito, a fine agosto, il sindaco ha dato mandato all’assessore Gerundo e l’assessore Zabatta per un incontro con il comitato Monachelle, dichiarando che l’amministrazione riconosceva l’opera meritoria svolta dal comitato .
Il comitato, e/o le associazioni, che operava nella cura delle Monachelle, è stato invitato a sedersi intorno ad un tavolo istituzionale, coordinato dall’assessore Gerundo, per proseguire l’opera di cura e di riqualificazione dell’area, a cominciare dai tratti di demanio e di competenza comunale.
Da parte del comitato fu fatto presente che per riqualificare l’area e renderla civilmente fruibile alcuni interventi necessitavano di tempi medi o lunghi altri invece come una fontanina d ‘acqua era possibile metterla in pochi giorni.
Ebbene fu nel corso di un incontro al comune con i due assessori, incontro videoregistrato online e trasmesso in diretta Facebook, che lo stesso assessore Gerundo ipotizzava una possibile data prima del 21 novembre. Al successivo incontro l’assessore Zabatta dichiarava che, sentito i tecnici del comune, era troppo oneroso per le casse comunali (30 o 40 mila euro) portare l’acqua alle monachelle.
Gli fu detto che, per Noi del comitato, in realtà era semplicissimo e realizzabile con poche centinaia di euro.
Infatti con un piccolo intervento di uno dei “Monacielli” è stata posizionata una fontana con relativo impianto fino a due centimetri dalla fonte comunale (tubo a T che porta acqua alla scuola Vittorio Emanuele).
Con foto allegate ad una email inviata all’assessore Zabatta gli si chiedeva o di inviare la squadra di operai comunali oppure (per fare prima e risparmiare soldi) autorizzare il comitato a provvedere nell’allaccio.
In ulteriore incontro l’assessore riferiva che per il comune era opportuno mettere un contatore, a carico del comune per avere il monitoraggio del consumo.

Poi, ancora, che avevano necessità di autorizzazione da parte del comune di Napoli. Bene, il 27 dicembre 2017 una delegazione del comitato è stata ricevuta a Palazzo San Giacomo dall’assessore al Patrimonio del comune di Napoli e ha raccolto ampia condivisione e disponibilità ad incontrare e dare autorizzazione necessaria al rappresentante del comune di Pozzuoli per posizionare e mettere impianto di fontanina di acqua (se l’impianto deve passare in area di proprietà del comune di Napoli).
Il comitato su richiesta dell’assessore del comune di Napoli si è attivato per organizzare un incontro congiunto tra i rappresentanti dei due comuni. Incontro previsto per giovedì 4 gennaio 2018.
Intanto sono passati ben 4 mesi. Il 2017 è passato. Speriamo che il 2018 porti “bene comune” per tutti/e.

Post di origine: https://www.facebook.com/groups/pozzuolioltre/permalink/1991929254464902/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.