Qui raccogliamo alcune informazioni sui beni comuni. Proponiamo una interessante intervista estratta dal testo La Co-Città. A pagina 14 (325 nel testo) si parla anche dell’esperienza dell’Ex Convitto Monachelle.

Rete Beni Comuni di Napoli

Villa Medusa – Casa del Popolo

Perché CASA DEL POPOLO: abbiamo iniziato questo progetto da due anni e mezzo e da subito abbiamo riaperto alle associazioni che già utilizzavano lo spazio mettendoci in contatto con delle nuove. Stiamo dimostrando che è possibile gestire comunitariamente uno spazio senza appoggiarsi a speculatori o a partiti piccoli o grandi che siano.

Lido Pola

Il Lido Pola è un Bene Comune tra i molti a Napoli, liberato da 20 anni di degrado e abbandono dal collettivo Bancarotta 2.0 in via Nisida 24.

Opg Je so’ Pazzo

Siamo persone comuni, siamo come te. Ci svegliamo la mattina per studiare, lavorare o cercare lavoro, abbiamo famiglia e amici e lavoriamo duro ogni giorno per tirare a campare e conquistarci un futuro. Abbiamo deciso di riprenderci un posto vuoto nel cuore di Napoli, nel quartiere Materdei, per renderlo di nuovo vivo e usufruibile da chiunque abbia voglia di mettersi in gioco e cambiare le cose.

Ex Scuola Schipa Occupata

L’occupazione a scopo abitativo dell’ex-scuola Schipa, in via Salvator Rosa, si misura con temi quali i diritti sociali, i beni comuni, la partecipazione, la governance dello spazio urbano, il diritto all’abitare e le forme di nuovo welfare. Dal 17 novembre 2011 un edificio di proprietà pubblica, chiuso ed abbandonato da più di 7 anni, è diventato uno spazio abitato e autogestito da precari, studenti, disoccupati e famiglie prima senza tetto.

Scugnizzo Liberato

Scugnizzo Liberato è il laboratorio di mutuo soccorso nato al centro di Napoli dalla riappropriazione dal basso dell’ex carcere minorile “Filangieri”.

Il Giardino Liberato

Uno spazio di libertà a Materdei. Questo posto è di tutti. Questo posto è anche tuo. Qui non ci sono fascismo, razzismo, sessismo. In questo posto non si delega né si decide da soli, ma si condivide e si decide tutti insieme. Tutte le attività sono gratuite ma non siamo volontari, doniamo un po’ del nostro tempo e ti chiediamo un po’ del tuo.

Santa Fede liberata

Realizzare un’esperienza concreta di comunità con il recupero politico e sociale di un posto da anni abbandonato e depredato.

Casa delle Donne di Napoli/benecomune

L’Assemblea nasce nel 2013 attraverso una autoconvocazione di tutte le realtà femminili e femministe presenti in città. Il primo incontro si tenne in un bar. Eravamo talmente tante che ci rendemmo conto di quanto fosse importante avere un luogo nostro, la Casa delle donne. Così, a partire da questo obiettivo, si è costituita una assemblea itinerante che poi ha preso la sua forma definitiva nel 2014.

l’asilo

L’Asilo, ex sede del Forum delle Culture, dal 2 marzo 2012 è uno spazio aperto dove si va consolidando una pratica di gestione condivisa e partecipata di uno spazio pubblico dedicato alla cultura, in analogia con gli usi civici: una diversa fruizione di un bene pubblico, non più basata sull’assegnazione ad un determinato soggetto privato, ma aperto a tutti quei soggetti che lavorano nel campo dell’arte, della cultura e dello spettacolo che, in maniera partecipata e trasparente, attraverso un’assemblea pubblica, condividono i progetti e coabitano gli spazi.

Oasi Cerlone (Ex-Mercatino Fuorigrotta)

Siamo un gruppo di abitanti del quartiere che vuole riqualificare l’ area dell ex-mercatino con attività sociali, per migliorare la situazione di abbandono e degrado con cui siamo costretti a vivere ogni giorno. Pensiamo che solo l’unione dei cittadini e la partecipazione diretta alla vita pubblica possano cambiare le condizioni di vita di ognuno di noi a partire dalle esigenze quotidiane, come vivere in un luogo accogliente, sano e vivo.

CAP 80126 – Centro Autogestito Piperno

Spazio liberato nel quartiere Flegreo di Napoli. Un luogo di cooperazione sociale e solidarietà attiva dove fare politica, attività sociali, sport, arte e cultura. Uno strumento di resistenza e lotta per costruire comunità ribelli e autonome.

Villa De Luca

Prima occupazione a scopo socio-abitativo della Campagna Magnammece o’ pesone.

Ex Convitto Monachelle

Semplicemente noi.