Incontro con l’avvocato Libutti di Attuare la Costituzione

Ieri mattina, sabato 10 marzo 2018, il comitato ha accolto l’avvocato Giuseppe Libutti, membro dell’associazione Attuare la Costituzione.

Ci si è confrontati, con esito molto proficuo riguardo varie tematiche:
dal Lido Augusto alla situazione dei senza fissa dimora, abbiamo raccontato la nostra e sperienza, ricevuto consigli utili e man forte per quello che facciamo.

Incontro con LABSUS: “Sussidiarietà, terzo settore e beni comuni”

Il Comitato Monachelle è lieto di invitarvi all’incontro:

“Sussidiarietà, terzo settore e beni comuni”

mercoledì 7 marzo 2018, ore 16:00, auditorium dell’Istituto Pareto, Arco Felice, via Raimondo Annecchino 252

Introduce la dirigente Donatella Mascagna

Esperienze di cooperazione tra istituzioni e cittadini

ne parlano:

  • Dr. Pasquale Bonasora (ricercatore LABSUS)
  • Dr. Marco Musella (Federico II)
  • Dr. Gennaro Ferrillo (Comitato promotore)

L’incontro stimola associazioni e amministrazioni a confrontarsi sul tema.


Verso il dibattito pubblico “Monachelle Mon Amour”

AZIONE POPOLARE – LA CURA DEI BENI COMUNI

Mercoledì 7 marzo ore 16.00 presso l’istituto Pareto di Arco Felice si terrà una giornata di studio su:

SUSSIDIARIETÀ, TERZO SETTORE E BENI COMUNI: L’ESPERIENZA LABSUS

L’iniziativa promossa dal comitato monachelle è un’occasione di crescita culturale (implementazione di processi civico-istituzionali), di socializzazione di competenze ed esperienze di cittadinanza attiva diffuse in tutta Italia. Esperienze che mirano al diritto alla città, alla riappropriazione, all’utilizzo e riuso civico di spazi e beni negati alle comunità che la abitano, al fine di far emergere una cittadinanza sociale e responsabile.

Il comitato sta lavorando da mesi per dare seguito della Petizione “MONACHELLE MON AMOUR” che chiede:

1) di estromettere l’ex Convitto Monachelle dell’elenco dei beni disponibili ed alienabili del Comune Di Napoli per creare i presupposti di una valorizzazione sociale partecipata.

2) di avviare un dibattito pubblico tra gli amministratori sul tema per esporre e motivare la convenienza di una valorizzazione sociale e partecipata dell’ex Convitto, facendo rispettare il vincolo di destinazione d’uso in alternativa alla svendita.

Altri step, già in cantiere, sui Beni comuni, sugli usi civici urbani, sul programma di promozione “Un Ostello in ogni città” seguiranno per rafforzare e consolidare tale crescita culturale.


Cos’è LABSUS

Labsus ha lavorato in questi anni, in tutta Italia, da Nord a Sud per sperimentare l’applicabilità, attraverso strumenti e metodologie (PATTI E REGOLAMENTI) del principio di sussidiarietà orizzontale art. 118. Si è impegnata sulle tematiche della cura e della rigenerazione urbana.

L’azione culturale e pratica di Labsus ha permesso di ottenere, in varie parti d’Italia, il riconoscimento dei cittadini, anche singoli, come portatori di risorse, creatività, energie: utili alla collettività tutta;

Labsus promuove l’amministrazione condivisa dei Beni Comuni;

Nell’amministrazione condivisa il pubblico si configura come un attore interessato allo sviluppo dei territori, impegnato in una valutazione caso per caso – ferma restando la trasparenza delle scelte e la capacità di motivarle – in grado di far leva sulle risorse della comunità affinché da esse si possano generare utilità collettive.

Infine, Labsus punta ad applicare il principio di sussidiarietà orizzontale, detto anche di sussidiarietà sociale, che prevede che Stato, Regioni ed enti locali debbano favorire l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale: in pratica dovranno essere valorizzate quelle forme di organizzazione spontanea della società civile, per esempio associazioni di volontariato, Onlus, Cooperative sociali, per la gestione dei servizi da offrire alla cittadinanza.

Dopo il consiglio comunale monotematico del comune di Pozzuoli del 11.12.2017

Tanto entusiasmo….e poi il nulla.

Ieri la politica ha dimostrato quanto è lontana dalle esigenze dei cittadini.

Il Comitato per il recupero delle Monachelle e l’associazione Percorsi Cumani esprimono profondo rammarico per quanto accaduto ieri in consiglio comunale a Pozzuoli.

Un finto consiglio monotematico “aperto” in cui si è impedito alle associazioni di poter svolgere un intervento per illustrare le motivazioni che hanno portato alla petizione.

Guarda la discussione preliminare tenuta il 25 novembre presso l’istituto Pareto

Un atto grave agli occhi della città.

Un coro unanime (o quasi) di consensi (a chiacchiere!) da parte dei consiglieri comunali di Pozzuoli sulla petizione popolare riguardante la rigenerazione urbana della linea di costa e il libero accesso al mare giunta in aula grazie ai consiglieri di minoranza.

Tuttavia, al momento di votare un atto di impegno concreto sulle richieste dei cittadini di compiere un sopralluogo con i tecnici comunali lungo la costa per verificare gli ostacoli al libero transito e gli scarichi e convocare un tavolo di lavoro sulla proposta di percorso ciclo pedonale costiero, è giunto un assordante NO, da ciascuno dei consiglieri della maggioranza.

Senza se e senza ma.

Solo cavilli politici che non interessano ai cittadini, superabili con la buona volontà (se ce ne fosse stata).

Nessun atto formale di impegno verso i cittadini.

Nessun rispetto da parte del Sindaco per i propri cittadini, presenti, rispettosi e disgustati nell’assistere ai teatrini politici durati sei lunghissime ore per nulla.

La petizione:
La petizione presentata in consiglio

L’assessore Gerundo ha esposto la visione allargata di ciò che vorrebbero realizzare aderendo al masterplan, senza rispondere in merito alle richieste dei cittadini, nell’immediato.

Alcune posizioni espresse dal consigliere Tozzi che ha definito abusivi i cittadini che si sono adoperati per ripulire l’area sono di una gravità inaudita offendendo il lavoro e l’impegno dei cittadini realizzato in base al principio costituzionale di sussidiarietà, sempre informando l’amministrazione.

Da liberi cittadini, spettatori muti, di tante inesattezze, ci sentiamo profondamente amareggiati e traditi.

I liberi cittadini del Comitato per il recupero delle Monachelle.


Sul canale YouTube del Comune di Pozzuoli trovate la registrazione di una parte del consiglio:

25 novembre 2017: Dibattito Pubblico su Azione Mare

Il 25 novembre 2017 si è tenuto presso l’ITCG Pareto il Dibattito Pubblico sulla petizione Azione Mare.

Di seguito la registrazione di alcuni degli interventi:

  • Claudia Vellusi, sul consiglio monotematico:
  • Daniela Villani, Delegata al Mare, da parte del sindaco De Magistris:

    Qui la petizione per la spiaggia delle Monache
  • Massimo Schiano, comitato Bandiera Blu:
  • Roberto Gerundo, assessore di Pozzuoli:
  • Dario Chianetta, Percorsi Cumani:
  • Architetto Enzo Russo, coordinatore della consulta mobilita ciclabile di Napoli:
  • Nugnes:
  • Muscarà:
  • Sorrentino T.:
  • Ferrillo:
  • Escalona:
  • Caso:
  • Giugliano:
  • Canoro:
  • Crivelli:
  • Marino: